Susanna…frequenta il Liceo…il suo sfogo e le sue difficoltà.

Pochi giorni fa ho conosciuto Susanna, frequenta la seconda superiore del Liceo delle Scienze Umane.

Arriva, accompagnata dai suoi genitori, si siede di fronte a me  con  a lato i suoi genitori.

Mi presento mentre osservo  le sue mani giunte  trattenere un tremore.
Invito la famiglia a raccontare il motivo che li ha portati a questo incontro e Susanna , senza lasciare  spazio di parola ai genitori,  manifesta il peso di questo fardello che  sente tutto suo e con gli occhi colmi di lacrime mi dice:

Io non sono stupida, ma è quello che vogliono farmi sembrare” .
 Le dico  “ Parlami” , e lei continua:

“Fin da piccolina ho sempre fatto molta fatica a studiare e ora , in seconda superiore, lo studio sta diventando logorante, ogni giorno ci sono una o più  verifiche, ogni giorno ci sono una o più interrogazioni. Per poter stare al passo con i mie compagni studio tutto il giorno, rimango sveglia anche fino alle due di notte per ripassare le materie già  studiate,  poi arrivo a scuola e davanti ai professori mi crollano  tutti gli schemi e le mappe mentali che ho costruito , tutto ciò che ho studiato fino a poche ora prima, svanisce nel nulla.
Allora  ho provato a svegliarmi alle cinque del mattino,  ma anche questa strategia non ha dato risultati. A volte  sono fortunata l’insegnante mi chiede un argomento a piacere e in quelle situazioni riesco a ricordarmi tutte le frasi studiate a memoria.
Il mio discorso fila liscio , apparentemente sembra che l’argomento io  l’abbia capito … in realtà, sto ripetendo, come un pappagallo, tutte le frasi del libro…e non c’ho capito una mazza!!  Però i professori sono contenti, dicono che in certe  occasioni  ho buone proprietà di linguaggio.
Il problema sussiste quando le interrogazioni spaziano su più capitoli, i concetti li so  mi creda, li ho ben chiari in mente ma non riesco a esprimermi,  a formulare una frase  di senso compiuto. Poi inizia a tremarmi  la voce,  percepisco la mia agitazione, mi irrigidisco  perché sono consapevole che le cose non stanno prendendo la piega giusta, in quei momenti  faccio appello al mio autocontrollo, ma tutto è inutile ,più mi ripeto di stare tranquilla e più l’agitazione sale”.

 

Susanna”, le chiedo , “Con le verifiche scritte va un po’ meglio?”
 Abbassa lo sguardo.
“No” mi risponde, e aggiunge :  “Con  la   matematica è un disastro, cambio continuamente i segni delle espressioni senza accorgermene! Nell’ultima verifica ho preso due! I procedimenti erano tutti giusti, ma ho sbagliato i segni, ho fatto una moltiplicazione invece di  un’addizione e non sono riuscita a svolgere l’ultimo esercizio. Non riesco  a terminare il compito entro il tempo assegnato. In italiano succede un po’ la stessa cosa, faccio molti errori ortografici e prima di scrivere una parola devo rifletterci molto bene  onde evitare errori di doppie oppure omissioni di “H” .
Quest’anno (in seconda superiore) ,  per la prima volta l’insegnate di sociologia mi ha detto che le mie difficoltà potrebbero essere legate alla dislessia…(in lacrime)…mi puoi aiutare? Devo far capire ai miei professori che io ce la sto mettendo tutta…ma da sola non ce la posso fare!”

“Susanna come ti sei sentita dopo le parole dell’insegnate di sociologia?”
“ Per la prima volta ho  percepito che ,forse,  dietro tutta questa fatica potrebbe esserci  un      problema . Mi sono sentita capita, compresa, infatti nella sua materia vado molto bene  .   forse perché non mi sento impaurita, giudicata, è  un’insegnate che ha capito come valutarmi.”

Va bene Susanna” la rassicuro , “mi hai esposto le tue preoccupazioni molto chiaramente!!   Sei stata molto coraggiosa a raccontarmi il tuo percorso scolastico così “pieno” di e     molto brava  nell’attuare continuamente strategie nuove per aggirare l’ostacolo.
Ora asciugati le lacrime  e  , se lo desideri, ti racconto la mia storia, molto simile alla tua!!….

-Non lasciare che ti limitino, e non permettere a nessuno di giudicarti se non conosce l’entità del problema.-

 

Dott.ssa Psicologa Dri Vanessa

Specializzata in Disturbi Specifici dell’Apprendimento Scolastico

RIDInet è il servizio online per il trattamento dei DSA.

L‘ambiente di RIDInet è strutturato per la presa in carico e la gestione ottimale degli utenti con diagnosi DSA. Attraverso un’ interfaccia semplice e intuitiva si hanno a disposizione vari percorsi, che si presentano come applicazioni indipendenti – chiamate APP – personalizzabili in base alla diagnosi.  Tutte le App sono sviluppate in collaborazione con un Comitato scientificoe di indirizzo, che ne garantisce la qualità.

  • RIDInet consente di gestire i percorsi di trattamento dei bambini da un’unica applicazione.
  • RIDInet offre applicazioni rigorose, pronte all’uso e personalizzabili.
  • Ridinet è accessibile dallo studio professionale e in mobilità da tablet, smartphone e pc con connessione internet, per seguire l’andamento del trattamento in libertà.
  • RIDInet facilita la collaborazione con i colleghi e si adatta a realtà professionali diverse, dal singolo operatore fino al centro di riabilitazione pubblico o privato.
  • RIDinet  si auto-aggiorna senza costi aggiuntivi.
  • Gli utenti del trattamento specialistico potranno esercitarsi presso il Clinico e allenarsi dalla loro abitazione.
  • Grazie all’aumento della frequenza di utilizzo l’efficacia dell’intervento aumentacon miglioramenti misurabili.
  • Nei casi di non prossimità geograficaallo studio del clinico, la possibilità di accesso dall’abitazione costituisce un ulteriore vantaggio.
  • Gli allenamenti a casa avvengono sulla base dei percorsi costruiti in studio, con la sicurezza di essere seguiti anche a distanza dalla professionalità del Clinico.

Viene favorita una elevata motivazione dell’utente che sta effettuando il percorso, grazie all’approccio ludico e all’utilizzo di modalità naturali per i “nativi digitali”.

Scoprire RIDInet basta contattare la dott.ssa Psicologa Dri Vanessa vi presentera’ con maggior dettaglio il trattamento riabilitativo che per i primi 30 giorni dall’attivazione sarà  gratuito.

 

Centro Polifunzionale per l’età evolutiva e adulta

PER MANO