Blog

Psicomotricità Educativa

A Codroipo, all’interno del Centro per Mano, a partire dal mese di gennaio 2022 nasce uno spazio pedagogico-educativo e culturale per l’età evolutiva che centra la propria azione ed attenzione sull’espressività motoria infantile tramite proposte di attività psicomotoria ed attività espressive per favorire la creazione, la comunicazione e la simbolizzazione tramite il disegno e le costruzioni Movimento-Gioco-Espressione-Creatività-Armonia secondo la filosofia di Bernard Aucouturier.

Pratica Psicomotoria Educativa-Preventiva e d’Aiuto in piccolo gruppo e individuale rivolta ai bambini da 0 a 7/8 anni d’età.

La Pratica Psicomotoria è un mezzo d’accompagnamento dell’espressività motoria del bambino. È concepita come un itinerario di maturazione psicologica che favorisce il passaggio “dal piacere di agire al piacere di pensare”. I percorsi sono diversificati, viene facilitata la comunicazione, lo scambio, le forme di collaborazione e di cooperazione, nel rispetto di sé stessi e degli altri, attraverso una valorizzazione delle differenze individuali.

L’attività Psicomotoria aiuta i bambini a trovare il modo di sperimentarsi fisicamente, per sviluppare piacevolmente tutte le possibilità motorie, trovare sicurezza di sé e vivere il piacere del saper fare; imparare ad usare tutte le proprie risorse, raggiungendo così una propria autonomia. In questo senso la pratica psicomotoria favorisce quell’equilibrio armonico sul piano psicofisico in un’area di gioco.

  • Attività espressive: espressività manuale, pittorica e manipolazione di vari materiali: creta, argilla, plastilina, pasta di sale; scoperta sensopercettiva: tattile, sonora e cromatici

Progetti con istituzioni scolastiche: nidi, scuole dell’infanzia, scuole primarie. La realtà attuale vede la Psicomotricità inserita nel percorso educativo scolastico e trova collocazione nei vari POF (Piani dell’offerta formativa)

  • Incontri periodici con i genitori

Orari delle attività:

Lunedì09:30-10:30:Progetto “Nati per giocare”, figli e genitori in gioco, per bambini da 12 a 36 mesi
Mercoledì16:30-17:30:Psicomotricità gruppo bambini di 3 anni
17:45-18:45Psicomotricità gruppo bambini di 4 anni
Sabato09:30-10:30:Psicomotricità gruppo bambini di 5 anni
10:45-11:45:Psicomotricità gruppo bambini di 6/7 anni

Per ulteriori infirmazioni contattare direttamente la Professionista referente:

Beatrice Salomon, Psicomotricista

Cell. 339 79 82 582

Il processo di Scrittura e la Disgrafia

www.centropermano.it

Per scrivere dobbiamo coinvolgere diverse aree del nostro sistema corticale ma anche i sistemi sensoriali periferici, quali vista, udito, vista, tatto e propriocezione.

A sei anni la scrittura è lenta, frammentata, il bambino scrive con tutto il suo corpo, molto spesso la testa è china sul foglio e/o inclinata dal lato controlaterale alla mano in azione, il tronco è appoggiato sul banco, la mimica facciale esprime l’impegno dell’esecuzione. (Gargano, Disprassie evolutive)

Queste difficoltà di controllo inibitorio vengono solitamente superate tra i sette e gli otto anni, quando viene appreso l’automatismo della scrittura.

Per raggiungere questo obiettivo l’organizzazione dello schema motorio richiede la combinazione sequenziale di schemi.

Tale processo si realizza attraverso tre livelli evolutivi (Russo, 2003, p. 101):

  • il coordinamento;
  • il processo di inibizione alla diffusione dello stimolo;
  • l’integrazione somatica.

Durante l’esecuzione dei movimenti si possono distinguere diversi livelli di controllo motorio che implicano l’attivazione della corteccia motoria, della corteccia premotoria e dell’area motoria supplementare.

Non solo, deputate aree motorie si attivano durante il processo di scrittura, ma anche il nostro sistema emotivo continua a lavorare in parallelo.

I valori emozionali delle esperienze si esprimono sotto forma di gratificazione o di frustrazioni: se il risultato è gratificante, si rinforzano la fiducia del Sé e la spinta ad agire e perseverare nel compito; se il risultato è frustrante, può verificarsi la ricerca di nuovi adattamenti oppure la rinuncia.

Il movimento della scrittura è la combinazione di flessione, estensione, adduzione e abduzione delle dita.

La postura anticipa l’azione e lo stato tonico carat- terizza e sostiene la natura dell’azione. Nell’analisi della postura di un bambino, impegnato nella scrittura, è importante osservare:

  • l’atteggiamento generale;
  • la posizione della testa, delle spalle e del gomito;
  • il grado di obliquità dell’avambraccio rispetto alla linea orizzontale del foglio;
  • la posizione del polso, della mano e delle dita;
  • la posizione del foglio rispetto al tronco;
  • il grado di estensione dell’avambraccio.

La contrazione del tronco e del polso e/o i ritardi nell’organizzazione posturale possono impedire i movimenti economici di traslazione che scandiscono l’attività della scrittura.

Quando la scrittura, svolta con un ritmo eccessivamente lento o rapido, è illeggibile e inestetica, si riscontra la disgrafia, che non colpisce necessariamente gli aspetti linguistici della scrittura, ma le sue componenti motorie e visuo-spaziali, giacché il deficit riguarda la difficoltà a trasferire informazioni visive al sistema grafomotorio: il bambino disgrafico vede ciò che vuole scrivere o disegnare, ma non sa tradurre in schemi motori ciò che percepisce visivamente.

La DISGRAFIA si colloca tra i Disturbi Specifici dell’Apprendimento, abbreviato DSA, (Legge 8 ottobre 2010, n. 170): dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia. E’ una difficoltà grafomotoria che si presenta in assenza di deficit neurologici/intellettivi e riguarda l’incapacità di scrivere in modo corretto, chiaro e scorrevole, tra le sue caratteristiche una scrittura troppo lenta, faticosa o dolorosa, illeggibile, comunque non conforme all’età. Essa riguarda esclusivamente il grafismo, non le regole ortografiche e sintattiche proprie della disortografia, a cui comunque spesso si accompagna, infatti qualche influenza su ortografia e sintassi potrebbe verificarsi per la difficoltà da parte del bambino di rileggere e correggere i propri elaborati.

Questa ipotesi potrebbe far supporre che le due accezioni del termine disgrafia, una inerente all’aspetto prettamente grafomotorio e l’altra relativa al processo di codifica, si intersechino e si influenzino reciprocamente nello sviluppo e nel disturbo della scrittura

Il disturbo disgrafico, quindi, può interferire non soltanto nella produzione delle lettere, ma anche nella costituzione delle parole.

La disgrafia, considerata come difficoltà a rappresentarsi, a programmare ed eseguire volontariamente atti motori consecutivi, può essere considerata un sintomo di disprassia, in quanto impedisce al bambino di realizzare una scrittura chiara, armonica e soprattutto corretta.

Le difficoltà del bambino disgrafico/disprattico aumentano quando deve copiare dalla lavagna, perché deve tenere sotto controllo più compiti contemporaneamente: deve estrapolare la figura dal fondo, deve sganciare lo sguardo dalla lavagna e agganciarlo nel foglio dove avverrà la riproduzione, infine deve mettere in atto le proprie abilità grafomotorie per copiare il modello.

Articolo di Vanessa Dri

Fonte:Disprassie evolutive 2013

DISLESSIA … …CAMPANELLI D’ALLARME

http://i25.tinypic.com/bi6ir8.jpg

 

Il bambino dislessico ha difficoltà scolastiche che di solito compaiono  nei primi anni di scuola, spesso identificabili  già nella scuola dell’infanzia. E’ molto importante quindi  riconoscere i segnali  precoci.

Di seguito sono riassunti alcuni:

-Il bambino ha avuto un ritardo o delle difficoltà nello sviluppo  del linguaggio

-Ha avuto difficoltà nell’imparare rime o parole con assonanze

-Ha avuto difficoltà ad imparare i nomi appropriati degli oggetti, inventando dei termini per descriverli (es. Gioco dell’anatra = Gioco dell’oca; volante = guidante)

-Ha difficoltà con compiti che  implicano abilità motorie (ritagliare, allacciarsi le scarpe, abbottonarsi..)

-Ha difficoltà a ricordare sequenze  o elenchi (giorni della settimana)

-Fa fatica a ricordare le tabelline

-Ha difficoltà nel calcolo  e nella numerazione soprattutto decrescente

-Ha difficoltà nell’incolonnamento dei numeri e /o si confonde nel recupero di procedimenti matematici

-Non riconosce o fa fatica  a riconoscere la corrispondenza lettera – suono (p/b, v/f, p/q)

-L’esercizio della lettura lo affatica moltissimo

-Persiste con la lettura sillabica, non vi è espressività, omette la punteggiatura

-La lettura non appare velocizzarsi e si notano numerosi errori di comprensione del testo, ma , migliora se siamo noi a leggere per lui

-Non si evidenziano problemi alla vista, ma il bambino si lamenta di non veder bene le lettere scritte sul libro

-Quando scrive si dimentica qualche lettera

-Non presenta una “bella” calligrafia

-Ha difficoltà nella costruzione di frasi e presenta un vocabolario limitato

-Ha difficoltà a memorizzare

-Nella storia familiare ci sono stati altri casi di percorsi scolastici difficili

E’ bene ricordare che ogni bambino presenta delle caratteristiche  personali, quindi non tutti i bambini presentano i campanelli d’allarme sopra elencati,  l’identificazione o il riconoscere alcune delle caratteristiche nel proprio bambino non costituiscono indicazioni diagnostiche,  ma sono allo scopo puramente informativo alla ricerca di un identificazione precoce delle difficoltà di apprendimento.

(Consensus Conference, “Disturbi Specifici dell’Apprendimento, Sistema Nazionale per le Linee guida Ministero della Salute”)

Dott.  Vanessa Dri

Screening Gratuiti di NeuroPsicomotricità.

SCREENING DI NEUROPSICOMOTRICITA’ consiste nell’osservazione dello sviluppo globale del bambino, svolta da una figura esperta di sviluppo, generalmente proposta a scopo preventivo nelle prime fasi di crescita.
Il momento dello Screening è occasione per comprendere i bisogni evolutivi del bambino, prevenire e facilitare il superamento di difficoltà di sviluppo.🧑👧
E’ anche uno spazio di ascolto👪 e di sostegno delle naturali competenze genitoriali, dove potersi confrontare sulle modalità di accudimento 🤱e le attività di gioco 🤸‍♀️più adatte alla fase evolutiva in cui si trova il bambino, per sostenere in modo adeguato il suo naturale sviluppo.
Per informazioni contattare la terapista dott.ssa Jessica Pagnutti.#neuropsicomotricita #codroipocentropermanoneuropsicomotricit

Lo screening sarà attivo nelle giornate di venerdi 11 ottobre e venerdi 25 ottobre.

Si consiglia di prenotarsi contattando la Dott.ssa Jessica Pagnutti.

Cos’e` il mutismo selettivo?

Il Mutismo Selettivo è un disturbo poco conosciuto ed apparentemente raro che colpisce prevalentemente i bambini, caratterizzato dall’incapacità di parlare in alcuni contesti sociali, nonostante lo sviluppo e la comprensione del linguaggio siano nella norma.

Mutismo Selettivo Centro Per Mano

Il Mutismo Selettivo non è un fenomeno dovuto a qualche disfunzione organica o ad un’incapacità correlata allo sviluppo, ma è un atteggiamento di risposta ad un forte stato emotivo legato all’ansia.

Nonostante vogliano farlo, i bambini muto selettivi NON riescono a parlare fuori casa o in presenza di estranei, si bloccano, e ciò avviene in particolare in luoghi pubblici o nei contesti sociali più ansiogeni come, ad esempio, l’asilo o la scuola.

Al contrario di quanto avviene in tali contesti, i bambini muto selettivi a casa, negli ambienti familiari e con le persone con cui si sentono a loro agio, si esprimono normalmente e a volte sono dei grandi chiacchieroni.

Fonte: Assiciazione Italiana Mutismo Selettivo

POSSO CONTARE CON LE DITA?

Smettila di contare con le dita, non sei più un bambino piccolo! Quante volte ci siamo sentiti dire così a scuola. Come se usare le dita fosse una cosa infantile, di cui vergognarsi. Un pregiudizio antico quanto quello sui mancini, che un tempo venivano costretti a usare la destra come se ci fosse qualcosa di sbagliato nella sinistra.
Brian Butterworth, professore universitario di neuropsicologia cognitiva a Londra sostiene infatti che, senza una consapevolezza delle proprie dita della mano, neanche i numeri possono essere rappresentati normalmente nel cervello. Proprio per questo motivo dedicare un’attenzione maggiore all’uso e al ruolo delle mani mentre si impara a contare potrebbe essere cruciale nello sviluppo di basi matematiche solide sulle quali costruire poi le conoscenze trasmesse durante il percorso scolastico. Molti calcoli non possono essere eseguiti contando con le dita della mano, calcoli per i quali abbiamo bisogno di aver appreso e memorizzato un procedimento preciso, molti studi hanno dimostrato come nel nostro cervello si attivi un’area corrispondente alla rappresentazione della mano quando eseguiamo dei calcoli.
Questa associazione spontanea e inconscia ci fa capire che nonostante crescendo smettiamo di usare la mano per contare, il nostro cervello continua a farlo senza chiederci il permesso. Dai risultati di questa ricerca si possono ricavare numerose conclusioni: in primo luogo, aiutarsi a contare con la mano non è sbagliato. Anzi, etichettare questa modalità come infantile potrebbe anche nuocere all’apprendimento del bambino.

Contare con le dita

Ritardo di linguaggio e terapia neuropsicomotoria

Impariamo a comunicare prima di imparare a parlare!

Imparare a parlare significa acquisire in un tempo relativamente breve, di norma nei primi tre anni di vita, una capacità straordinariamente complessa. Per comunicazione si intende la trasmissione di informazioni che tenga conto della sorgente e della destinazione, attraverso dei canali comunicativi diversi: canale verbale, ossia il linguaggio vero e proprio, e canale non verbale, all’interno del quale distinguiamo il linguaggio del corpo, lo sguardo, la mimica, la modulazione della voce e la gestualità.

Non si può parlare di sviluppo del linguaggio senza inserirlo all’interno di una più ampia capacità comunicativa, essendo i due canali strettamente collegati: spesso la dimensione linguistica non è che un aspetto che si inserisce in un quadro più complesso e vario.

Prima che si sviluppi il linguaggio è bene che siano presenti tutti quei prerequisiti fondamentali per un adeguato sviluppo della comunicazione:

  • l’intenzionalità comunicativa ossia la volontà di interagire con l’altro;
  • il contatto visivo e attenzione condivisa con l’altro;
  • l’imitazione non solo delle parole, ma anche delle azioni, dei gesti, espressioni facciali, vocalizzi.
  • i gesti comunicativi come il gesto indicativo o i gesti più complessi legati a situazioni di routine: battere le mani, fare ciao, “non c’è più” ecc. (gesti referenziali);
  • L’alternanza del turno;
  • il gioco simbolico: essere in grado di attribuire una funzione simbolica ad un oggetto, e saper “far finta” che sia qualcosa di diverso ancor prima di imparare ad utilizzare le parole in maniera simbolica dando loro significato.

In bambini con ritardo del linguaggio in cui sono assenti alcuni dei prerequisiti sopra descritti si consiglia quindi di intraprendere una terapia neuropsicomotoria.

Centropermano@gmail.com

Perché prediligere un iniziale percorso neuropsicomotorio in bambini con ritardo di linguaggio?

L’intervento neuropsicomotorio, basandosi sulla globalità del bambino, stimola ed integra le diverse aree dello sviluppo infantile, permettendo un’evoluzione più armonica, meno invasiva, coinvolgente e motivante.

I bambini per cui è consigliato intraprendere questo tipo di percorso sono bambini che presentano:

  • uno sviluppo non adeguato dei prerequisiti del linguaggio;
  • difficoltà emotivo- relazionali: poco interesse nell’interagire con gli altri, difficoltà dI separazione da figure familiari, disregolati emotivamente (aggressivi, oppositivi-provocatori, eccessivamente capricciosi, rigidi);
  • instabilità psicomotoria: passano da un gioco all’altro senza mantenere un’attenzione adeguata, non riescono a stare fermi su un’attività per pochi minuti.

Scritto dalla Dott.ssa Laura Cocchiara e dalla Dott.ssa Silvia Sforza, Terapiste della Neuro e Psicomotricità.


#Centro #polispecialistico dell’#età #evolutiva che si occupa di #valutazione e #diagnosi, #logopedia, neuropsicomotricità, #psicoterapia e supporto psicologico individuale e #familiare, tutoraggio per bambini e ragazzi con #DSA, dislessia, difficoltà di apprendimento, #ADHD-DDAI disturbo d’attenzione ed iperattività, #fisioterapia pediatrica riabilitazione online.

#centropermano #etàevolutivacodroipo #neuropsicomotricita #psicomotricità #centroperilbambino

Fisioterapia pediatrica


La fisioterapia pediatrica opera nell’ambito della prevenzione, della cura e della riabilitazione di patologie ad esordio infantile al fine di facilitare l’acquisizione ed il recupero di funzioni neuromotorie, limitare gli esiti funzionali e promuovere la sicurezza, il benessere, l’autostima e l’autodeterminazione del bambino. Interviene nelle diverse fasi della crescita dal neonato alla fine dell’adolescenza, ed insieme alla terapista della neuro-psicomotricita’, promuovono lo sviluppo neuro-psico-motorio per far esprimere ad ogni bambino il suo massimo potenziale.
Dopo un’attenta prima valutazione funzionale, il fisioterapista pediatrico elabora un programma riabilitativo condiviso con le famiglie, fornendo loro anche indicazioni e consigli al fine di renderle partecipi nella relazione di cura.
Il fisioterapista pediatrico, inoltre, può lavorare in equipe multidisciplinare con altri professionisti sanitari al fine di provvedere ad una presa in carico globale dei bisogni del bambino.
Quali sono gli ambiti?
-Nascite pretermine
-Accudimento del neonato
-Plagiocefalie ed asimmetrie del capo
-Torcicollo miogeno
-Dismorfismi del piede (piede torto, piede piatto, cammino in punta)
-Dismorfismi della colonna vertebrale (scoliosi, ipercifosi)
-Patologie neurologiche: paralisi cerebrali infantili, malattie neuromuscolari, metaboliche e
genetiche
-Malattie reumatiche
-Fratture, traumi e patologie da sovraccarico sportivo in età pediatrica
-Situazioni di dolore

Per ulteriori informazioni:

Per Mano Centro Polifunzionale per l’età Evolutiva e Adulta – Codroipo- Udine-fvg

centropermano@gmail.com

+39 324 568 0822

PEI ( Piano Educativo Individualizzato)

Il PEI, acronimo di Piano Educativo Individualizzato, è lo strumento con cui il consiglio di classe disegna un percorso didattico inclusivo per gli alunni con disabilità. Il documento fissa gli obiettivi e le attività che si faranno durante l’anno scolastico, e costruisce un tessuto di collaborazione tra scuola e famiglia.

Piano Educativo Individualizzato.

Con questo documento, ogni consiglio di classe è chiamato a costruire davvero una didattica inclusiva. A partire dall’anno scolastico 2020/2021, il Ministero dell’Istruzione ha annunciato la predisposizione e l’adozione di un modello unico nazionale di PEI, a cui le singole scuole dovranno ispirarsi.

Cos’è il PEI

E’ un progetto educativo calibrato sulle esigenze del singolo alunno con disabilità certificata. Quindi, ogni scuola deve adottare un PEI diverso per ciascuno studente diversamente abile.

La personalizzazione della didattica, infatti, è alla base di ogni forma di inclusione. All’interno del PEI devono essere indicati gli obiettivi educativi che si vogliono raggiungere, gli strumenti e le attività che si utilizzeranno per conseguirli e i criteri di valutazione.

Ad esempio:

I PEI VARIANO PER TIPO DI PROGRAMMAZIONE:


-normale, della classe (-pensiamo ad es. ad alunni ciechi che hanno bisogno della trascrizione in Braille o sordi che hanno bisogno della traduzione in LIS, ecc.);


-per obiettivi minimi (perseguimento degli obiettivi più “bassi”, essenziali,
ma comunque fissati per l’intera classe; percorso di
apprendimento ridotto/semplificato nei contenuti che restano però
paralleli a quelli della classe);


-individualizzata (percorso educativo-didattico flessibile che si discosta,
senza stravolgerlo, dal piano didattico elaborato per la classe in modo da
adattare obiettivi e contenuti, metodi, strumenti e verifiche alle esigenze
-specifiche dell’alunno);


-differenziata (programmazione che, come previsto per legge, prevede un
percorso personalizzato con obiettivi e contenuti anche diversi da quelli
dei compagni; in questo caso le verifiche –compreso l’esame finale- devono
essere effettuate attraverso prove differenti).

Per questo motivo, il PEI è destinato a periodiche verifiche e cambiamenti.

La redazione del PEI

Alla luce di quanto detto, è chiaro che la redazione del PEI assume un valore centrale nella didattica rivolta agli alunni disabili. La sua stesura, di solito, avviene dopo un periodo di osservazione dello studente (circa due mesi), utile per valutarne in modo approfondito le potenzialità. Vediamo con ordine chi è chiamato a redigere il PEI e cosa è necessario scriverci.

I soggetti coinvolti

  • Come dovrà avvenire la redazione del nuovo Pei?
  • L’insegnante di sostegno redige una bozza, la condivide con il genitore e poi con i professionisti ASL?


Certamente l’incontro va preparato, ma i dettagli e le competenze vanno definiti a livello di istituzione scolastica. È molto probabile che l’insegnante di sostegno svolga in questa fase un ruolo prevalente, ma non esclusivo, perché tutti gli insegnanti della classe vanno coinvolti. Ricordiamo che «La responsabilità dell’integrazione dell’alunno con disabilità e dell’azione educativa svolta nei suoi confronti è, al medesimo titolo, dell’insegnante di sostegno, dell’insegnante o degli insegnanti di classe o di sezione e della comunità scolastica nel suo insieme. Ciò significa che non si deve mai delegare al solo insegnante di sostegno l’attuazione del “progetto educativo individualizzato” poiché in tal modo l’alunno verrebbe isolato anziché integrato nel contesto della classe o nella sezione, ma che tutti i docenti devono farsi carico della programmazione e dell’attuazione e verifica degli interventi didattico-educativi previsti dal piano individualizzato» (CM 250/1985). Durante l’incontro del GLO (incontro e di confronto delle diverse componenti – scuola, famiglia, servizi sanitari ed enti locali – che si occupano dello studente con disabilità) si può discutere la bozza di PEI proposta, analizzando eventuali punti controversi e cercando di arrivare a una versione su cui tutti sono d’accordo.

Il PEI può essere definito un documento collettivo. La sua composizione, infatti, coinvolge tutti i soggetti che, a diverso titolo, sono coinvolti nella crescita e nell’educazione del ragazzo destinatario del piano. Nello specifico, prendono parte alla stesura:

  • docenti della classe in cui si trova lo studente;
  • l’insegnante di sostegno;
  • le figure socio-sanitarie che seguono il ragazzo;
  • la famiglia.

Psicologa. Dri Vanessa

FONTI:

www.orizzontiscuola.it

www.aiutodislessia

Il PDP (Piano Didattico Personalizzato)

Il PDP? A quasi 10 anni dalla pubblicazione della Legge 170/2010 dovrebbe essere ormai un argomento molto conosciuto sia tra gli insegnanti che tra i genitori. E’ davvero così?

Da post, commenti e messaggi che leggo quotidianamente, la situazione non appare, però, così rosea.  Doveroso, perciò, fare un rapido ripasso e approfondire alcune nozioni che magari qualcuno, ancora, ignora. 

Come riporta il sito dell’AID:

Il PDP (Piano Didattico Personalizzato) è un accordo condiviso fra Docenti, Istituzioni Scolastiche, Istituzioni Socio-Sanitarie e Famiglia.
Si tratta di un progetto educativo e didattico personalizzato, commisurato alle potenzialità dell’alunno, che definisce tutti i supporti e le strategie che possono portare alla realizzazione del successo scolastico degli alunni con DSA. Per questi motivi è opportuno farlo all’inizio di ogni anno scolastico.

  • Il PDP deve essere predisposto dai docenti entro il primo trimestre scolastico.
  • È un documento flessibile e dinamico: potrà essere verificato e aggiornato dai docenti nel corso dell’anno scolastico.

  • I genitori del bambino devono leggere e approvare il piano didattico personalizzato del proprio figlio.”

Quest’ultimo punto è spesso oggetto di controversia. Capita, infatti, che le scuole siano restie a “far uscire” il PDP dalla scuola o che i genitori stessi non sappiano di avere diritto a visionarlo prima di firmarlo e di chiederne, poi, una copia con le firme di tutto il corpo docente.

La famiglia ha il DIRITTO DI CHIEDERE COPIA DEL PDP PRIMA DI FIRMARLO e ad avere tempo per leggerlo e SOTTOPORLO AGLI ESPERTI DI FIDUCIA.

Psicologa. Vanessa Dri

Fonti :

www.Aiditalia.it

www.anastasis.it

DSA in età adulta

Alcune domande principale che vengono poste dai ragazzi maggiorenni con diagnosi di Disturbi Specifici dell’Apprendimento Scolastico

Diagnosi

A partire dai 18 anni di età è possibile ottenere una diagnosi presso centri pubblici o presso centri e specialisti privati accreditati che dispongano di una batteria di test adatta a valutare il profilo di un adulto. Presso il nostro centro è possibile effettuare una valutazione completa anche in età adulta.

In Italia esistono diversi servizi (pubblici o più spesso privati), dislocati nelle diverse regioni. Attualmente in Friuli Venezia Giulia, presta questo servizio il Burlo Garofalo di Trieste e Il Centro Per Mano di Codroipo.

Patente di guida

Ad oggi alcune circolari del Ministero dei trasporti (circolare A28 del 28 novembre 2000; circolare 15175 del 6 luglio 2006; circolare Prot. 98013/23.03.05 del 25 ottobre 2007, D.L. 18 aprile 2011 n. 59), prevedono la possibilità di svolgere l’esame di teoria per le patenti A e B ascoltando i file audio dei quesiti di esame.

Per ottenere questi file può non essere sufficiente la certificazione diagnostica
 rilasciata da un ente pubblico o da centri e specialisti privati accreditati.

Infatti occorre una certificazione medica ad opera di uno dei sanitari indicati nel Codice della Strada o della commissione medica locale.

Concorsi pubblici

L’accesso agli strumenti e alle misure compensative previste dalla legge 170/2010 nel caso di prove di esame per concorsi pubblici ad oggi è possibile solo in alcune Regioni italiane dotate di una Legge Regionale sui DSA.

Per verificare in quali Regioni esiste questa possibilità è necessario consultare il testo di ciascuna legge regionale . Ad oggi la Regione Friuli Venezia Giulia non prevedono l’accesso a strumenti e misure di supporto per lo svolgimento delle prove di concorso pubblico

Dri Vanessa

Fonte:AiD

Settimana della prevenzione: sportelli di ascolto gratuiti per famiglie e ragazzi

In occasione della Settimana nazionale della Dislessia – dal 12 al 16 ottobre – il Centro Per Mano- mette a disposizione di ragazzi e famiglie – sempre gratuitamente – uno sportello di ascolto.

Lo sportello di ascolto offre uno spazio di incontro e confronto rivolto alle famiglie e ai ragazzi col fine di:

  • sensibilizzare e dare corrette informazioni sulle caratteristiche dei disturbi specifici dell’apprendimento e sulla normativa in vigore;
  • fornire gli strumenti didattici, educativi ed emotivi necessari per promuovere il successo scolastico, sia sotto il profilo didattico che socio-emotivo;
  • offrire ai cittadini informazioni personalizzate, che rispondano concretamente ai bisogni

Lo sportello sarà attivo dalle ore 9.00 alle 13.00 dal 12 al 16 ottobre. E’ possibile prenotare lo spazio di ascolto concordando insieme alla Dott.ssa Dri Vanessa, le disponibilità.

Si raccomanda di prenotare l’incontro attraverso:

Mail: centropermano@gmail.com

Telefonando: 3407816115

settimana prevenzione 2020

LABORATORI ESTIVI

LABORATORI ESTIVI 2020

Anche quest’anno il Centro Per Mano proporrà, alle famiglie del territorio, dei corsi di potenziamento, su specifici aspetti legati agli apprendimenti scolastici  e rispetto a varie abilità ad essi associati, indirizzati a bambini e ragazzi di diverse fasce d’età.

Vi informiamo che i laboratori estivi previsti potranno accogliere un numero limitato di partecipanti.

I NOSTRI LABORATORI:

Pronti Prima…ArriviAmo!!

LABORATORIO PER I BAMBINI DELL’ULTIMO ANNO DELLA SCUOLA DELL’INFANZIA

PERCORSO ESTIVO rivolto ai bambini dalla 1° alla 4° primaria

PERCORSO ESTIVO rivolto ai bambini dalla 1° alla 4° primaria

ARRIVO, PROF!!

LABORATORIO DI PREPARAZIONE PER IL PASSAGGIO ALLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

ARRIVO, PROF!!

LABORATORIO DI PREPARAZIONE PER IL PASSAGGIO ALLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

Questo laboratorio avrà come obbiettivo il ripasso di alcuni contenuti più importanti e fondamentali per l’avvio sereno alla scuola media.

Avrà come obbiettivo migliorare le competenze metacognitive e lessicali, adottando strategie funzionali di approccio al compito e al materiale di studio ottimizzandone i tempi.

I percorsi si attiveranno raggiungendo un numero minimo di partecipanti.

Ogni percorso prevede 4 incontri da 2 ore ciascuno.

Costo:100 euro

Le date e gli orari degli incontri, verranno definiti in base alle richieste pervenute.

Per informazioni:

centropermano@gmail.com

340.7816115 Vanessa Dri